martedì 9 maggio 2017

Maggio


sabato 1 aprile 2017

Aprile - dolce dormire


mercoledì 1 marzo 2017

Marzo


venerdì 24 febbraio 2017

Oh, ma pVopVio

non si può capiVe cosa si tVoVa in giVo, pVopVio. E' veVgognoso. Cosa si deve vedeVe. PoffaVVe.

E poffaVbacco.



mercoledì 1 febbraio 2017

Febbraio


venerdì 27 gennaio 2017

Ehm, non vorrei sforare...

ma questo
l''ho disegnato io...nel 1994! Eppure sembra proprio lei, ARIANNA, che ha 3 anni!


Le ho fatto persino gli occhi chiari! Sono stata veggente, eh!?!


giovedì 5 gennaio 2017

Buona Epifania




domenica 1 gennaio 2017

E ora

esploriamo questo nuovo anno, va, e vediamo che succede.




giovedì 29 dicembre 2016

Natale è sempre Natale

Immagine correlata
(questo è il mio posto ideale.)
con notevole ritardo, e non è da me. Non è da me!
Eccomi qui con le ricette tipiche regionali italiane, almeno, perché il Natale in tavola è sempre attivo :P

Veneto

BUONE FESTE A TUTTI!!

venerdì 2 dicembre 2016

21...

il mio pittore preferito

giovedì 24 novembre 2016

Colori d'inverno


giovedì 17 novembre 2016

Onomastico e...


mercoledì 16 novembre 2016

Idee folli - anzi follette

E poi non dite che non faccio niente eh!
Dunque, questo coso sarebbe un alberello per halloween...molto floffo perché fatto con gli scovolini!
 a cui appendere mini oggettini...
 o mini sacchettini pieni di bon bons (o meglio di BOO BONS!)

 ...e questa è la carta di halloween, per un progettino che ho in mente ma ancora non metto in pratica...
 Oh, e poi, ovviamente, due bannerini freschi freschi e pronti per festeggiare il Natalllllllllllllleeee.

eh sì, al folletto non potevano mancare i campanellini delle renne. Uauauauauaaaa.
Insomma, mi sto preparando, ecco.

lunedì 7 novembre 2016

Novembre


sabato 1 ottobre 2016

Ottobre


 
ed ora ufficialmente inizia il periodo più bello. 

 non è magnifico??!!! *______*



 

giovedì 1 settembre 2016

Settembre

andiamo, è tempo di migrare. E direi basta con questo caldo.


sabato 6 agosto 2016

Per la serie "Assurdità": mia mamma e l'INPS



Mia mamma, pensionata di 78 anni, "costretta" a muoversi per chiedere spiegazioni presso gli sportelli dell'INPS in merito ad alcune detrazioni (e non poche) che si è ritrovata sulla sua pensione. Capita ovviamente (perché non so se ce ne siano di migliori) con quello che è forse l'impiegato dell'anno.

miamamma: mi scusi, sono venuta a chiedere come mai mi ritrovo questo importo in meno sulla mia pensione. A cosa è dovuta questa detrazione? Da cosa dipende?

impiegatodellanno (dopo aver visionato - o forse no, chissà - le carte passategli da miamamma): vede, signora, lei ha avuto un AUMENTO, per cui ora PRENDE DI MENO. 

miamamma: .....................ah ecco. Stupida io a non capirlo...... ma mi sta prendendo in giro? 
Al che, considerando l'eloquente assenza di risposta dell'impiegatodellanno e capendo al volo che la soluzione a quel punto è una sola (purtroppo), sceglie l'alternativa di prendere e andarsene. 

Ma io dico......CI SONO O CI FANNO????!!!!

lunedì 1 agosto 2016

Agosto

....... ho saltato luglio uauauauauaaaaa!  

Ma ha fatto troppo caldo, non lo meritava. Anche se agosto non sembra migliore....ma voglio dargli un'opportunità, va. 

PS: Non vedo l'ora che arrivi l'autunnoooooooooooooooooooooooooooooooooo!

giovedì 14 luglio 2016

Appello spassionato e un tantinello disperato

 
Cara terra, o chi per te, sia forse il sole o chi per lui, probabilmente hai pianificato di squagliarci tutti il più 
lentamente possibile. Ora, non per interferire con i tuoi piani, per carità, ci mancherebbe, ma, ecco, se  proprio vuoi annientarci, per cortesia, manda un bel meteorite gigantesco e, in una sola botta, fine dei giochi. Ti prego di prendere in considerazione il mio, non voglio chiamarlo consiglio, ma direi, piuttosto, un suggerimento. 
Betta

domenica 19 giugno 2016

domenica 1 maggio 2016

Maggio


giovedì 28 aprile 2016

Fioriture inaspettate

Nonostante siano passati anni da quando stanno qui e in questi anni non è che poi abbiano mostrato granché voglia di crescere, e nonostante il tempo barbinissimo di questi giorni,  ecco che, inaspettatamente, crescono.
L'azalea giapponese. E' semplicemente stupenda. Peccato il tempo di questi giorni, in cui ha fatto freddo (ma freddo vero) con tanto di pioggia incessante. Comunque sia lei resiste.

E questo è nientepopodimenoche il glicine! Finalmente, dopo circa 8 anni, ha messo i grappoli. sono ancora incredula, e spero tantissimo che resista e vada avanti. Ci tengo particolarmente.
 

Aggiornamenti. Sono felice :)))))
Ah, e questo è il pino bonsai. Inaspettatamente ostinato anche lui. 

venerdì 1 aprile 2016

Aprile


giovedì 24 marzo 2016

"L'ultima cena"

L’ “Ultima cena” di Leonardo da Vinci
A Milano presso il convento domenicano di Santa Maria delle Grazie, l’ex refettorio rinascimentale conserva la famosissima “Ultima cena” di Leonardo da Vinci dipinta sulla parete di fondo, che è tra le più celebri opere pittoriche di tutti i tempi. Tema della composizione è il momento in cui Gesù, secondo il racconto evangelico (Matteo 26,20-25), annunciò che uno degli apostoli lo avrebbe tradito, con la commovente risonanza provocata dalle sue parole in ognuno dei presenti. Da qui una ricchezza di spunti e di notazioni drammatici che, nel differenziarsi delle reazioni psicologiche dei singoli personaggi, distaccano l'opera di Leonardo da quelle con soggetto simile. Nella scena, ancorché debitrice dei modelli fiorentini, si riscontra una più rigorosa e logica articolazione compositiva, poiché gli apostoli sono riuniti a gruppi serrati di tre per tre, non lasciando Giuda da solo, dietro una lunga mensa che interrompe la fuga prospettica di un’aula spoglia. Al centro della tavola la figura del Cristo si isola nella sua calma dolente e campeggia contro la luminosità di una porta aperta su un lontano paesaggio. L'artista realizzò il dipinto avendo soprattutto in vista il significato che poteva assumere la sequenza concatenata dei gesti delle figure, come fonte di movimento e di individuazione delle masse plastiche. Si notino i rapporti prospettici che tendono a prolungare l'ambiente reale in quello figurato: lo spazio tra la mensa e la parete di fondo è identico a quello reale di metà refettorio. L’opera è danneggiata dal tempo e dagli uomini (alla fine del Settecento il refettorio fu adibito a stalla dai soldati francesi) e dalla tecnica stessa di Leonardo che la dipinse tra il 1496 e il 1497 a tempera, invece che a fresco; ma la sua suggestione resta intensissima. La Cena è la più vasta (460×880 cm) opera di pittura di Leonardo a noi pervenuta − dopo la rovinata Battaglia di Anghiari − nonché una delle più famose di tutta la storia dell'arte. Purtroppo per poter condurre con maggior agio il lavoro, egli scelse in luogo della tecnica dell’affresco (che costringe a dipingere sull'intonaco ancora fresco con prontezza e decisione), quella a tempera su due strati oltre l'arriccio, il secondo dei quali con prevalenza di gesso. Ciò provocò in breve, per le condizioni di umidità dell'ambiente, un gravissimo deperimento del dipinto. L’Ode per la morte di un capolavoro, scritta da Gabriele D'Annunzio nel 1901, fu l’origine del restauro del 1908, il primo condotto con metodo scientifico. Si cercò infatti, in ogni tempo, di porre rimedio con interventi di restauro, ultimamente ripresi con procedimenti più razionali. Lo stato di conservazione è stato almeno fissato e, per quanto possibile, migliorato nel corso di uno dei più lunghi e capillari restauri della storia, durato dal 1978 al 1999, con le tecniche più all'avanguardia del settore.
‪#‎frateindovino‬

sabato 19 marzo 2016

L'uovo di Pasqua


IL SIMBOLISMO DELL’UOVO DI PASQUA
In tutto il mondo cristiano, l’uovo è il simbolo della Pasqua. Dipinto o intagliato, di cioccolato o di zucchero, di terracotta o di cartapesta, l’uovo è parte della festa e nessuno vi rinuncia, grandi e piccini. Ma qual è il significato simbolico dell’uovo? Se quelle di cioccolato o di cartapesta hanno un’origine recente, le uova vere colorate e decorate hanno una storia antichissima, che trova le sue radici nella tradizione pagana. “Tutti i viventi nascono da un uovo”, era il motto che, per secoli ha spiegato il principio secondo cui la vita non può avere origine dal nulla. E l'uovo, con la sua forma perfetta, la sua forma ovale, una linea senza inizio e senza fine richiamava l’eternità. L’uovo cosmico era all’origine del mondo, simbolo della vita che nasce, al suo interno avrebbe contenuto il germe degli esseri. Presso i greci, i cinesi e i persiani, l’uovo era anche il dono che veniva scambiato in occasione delle feste primaverili, quale simbolo della fertilità e dell’eterno ritorno della vita. Gli antichi romani, invece, usavano seppellire un uovo dipinto di rosso nei campi, per propiziare un buon raccolto. Con il Cristianesimo, molti riti pagani furono cancellati. Nella festa della Pasqua si conserva la tradizione di regalare l’uovo, ancora una volta simbolo di rinascita, ma non più della natura, bensì dell’uomo stesso, della resurrezione di Cristo: il guscio è la tomba dalla quale Cristo uscì vivo. (da Frate Indovino)

venerdì 4 marzo 2016

Marzo



martedì 23 febbraio 2016

Singolari migrazioni

Avete mai visto un pinguino all'ombra di un cactus? Ebbene, ora si può










......uaaaaaauauauauaaaaa!!